MotoSalone 2013

MotoSalone

Quest’anno per la 71a volta a Milano si è tenuto il Salone Internazionale del Motociclo, la fiera dedicata alle due ruote motorizzate più importante d’Europa. In questa edizione si sono viste nuove proposte dalle più importanti case motociclistiche, più numerose rispetto alle edizioni precedenti, per accontentare gli appassionati anche in un momento di profonda crisi come quella di questi ultimi anni. Si sono rivisti dei modelli mitici come la Honda Vfr 800 aggiornata con degli accorgimenti che ne hanno cambiato la linea rendendola più filante, riproponendo sul mercato una delle moto più longeve del mercato mondiale. Da possessore da lunga data del Vfr non nascondo che quando ho saputo che l’avrebbero riproposta sono stato contento, al pari del mio dispiacere nelle edizioni precedenti quando si pensava di pensionare la moto che mi ha accompagnato nelle avventure più emozionanti. Non dimenticherò mai il giro completo delle Alpi, dalla Slovenia a Ventimiglia fatto bene due volte, percorrendo i passi secondari stretti e pieni di curve in mezzo alla maestosità delle montagne o immersi nella natura, e lei, carica di due persone e relativo bagaglio, sempre pronta senza nessuna esitazione per portarci alla meta. Una vera moto completa dove potresti andare ovunque tranne lo sterrato estremo, tutto il resto non la ferma. Dopo questa digressione nostalgica, torniamo ad occuparci delle proposte del salone, alcune davvero molto particolari, come il doppio disco anteriore della francese Avinton che potete vedere nella gallery, più piccolo di quelli tradizionali, ma con la doppia pinza dei freni a lavorare su una superficie maggiore, quindi più efficace. L’idea mi sembra buona, chissà come risponderà il pubblico a questa nuova versione originale. Tra le nuove proposte, come la splendida Mv Augusta da turismo, e le vecchie glorie del passato coma la nuova serie della Vespa Primavera, ci sono sempre loro: le ragazze degli stand, piacevole causa delle perdita di manciate di diottrie per noi maschietti. Alcune decisamente esuberanti, come potrete constatare voi stesi guardando le immagini. Infine non ho resistito all’emozione di una piega seria come quelle dei piloti in gara, provando il simulatore nello stand dell’Honda. Da quello che si vede nelle riprese televisive non è ancora quella che realmente fanno nelle corse, ma l’emozione è comunque tanta. Dopo questa lunga descrizione delle mie sensazioni provate al Salone della Moto, sono curioso di sentire le vostre opinioni e quelle dei vostri amici che avete coinvolto in questi giorni di overdose di cromature, colori, musica e belle ragazze, che potete descrivere nella casella dei commenti. Come sempre vi aspetto per condividere le nostre/vostre emozioni.

Ciao a presto, al prossimo appuntamento.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...